Gubbio
borghi,  cosa fare,  italia,  on the road,  umbria

On the road: da Gubbio ad Assisi

TAPPE DEL GIORNO: GUBBIO – PERUGIA – ASSISI (BY NIGHT)

Dopo una notte passata all’ Agriturismo Casella del Piano , che consiglio caldamente a tutti i viaggiatori on the road, ripartiamo per una giornata che vede protagoniste una triade niente male: GUBBIO, PERUGIA E ASSISI.

Di Gubbio ricordo il calore che mi trasmettevano le stradine strette, i balconi fioriti, il sorriso delle persone; di Perugia la vitalità, di Assisi la pace che si prova passo dopo passo a mano a mano che ci si avvicina alla Basilica di San Francesco. Che giornata meravigliosa.

GUBBIO

Decisamente una coccola per gli occhi e per l’anima. Avevo delle aspettative molto alte, ne avevo sentito parlare tantissimo ed ero quasi timorosa di restarne delusa, ed invece non solo le ha superate, ma  si è tenuta un pezzo del mio cuore.

Mi sembrava fosse tutto perfetto: ogni angolo pare uscito da uno di quegli acquerelli che si vedono nei dipinti degli artisti di strada: muri di pietra, porte e finestre ricchi di fiori, scorci romantici..tutto aiutava a creare un’atmosfera magica.

Abbiamo visitato la mostra Gubbio ai tempi di Giotto grazie ad un biglietto unico del costo di 12 € che ci ha permesso di visitare ben tre palazzi: Palazzo dei Consoli, Palazzo Ducale ed il Museo Diocesano.

Anche qui come a San Leo il consiglio è di andare all’ufficio informazioni e di munirsi di mappa: la città ha tanto da offrire e, se avete a disposizione più tempo di noi, che ci siamo stati solo in mattinata, potete vedere davvero tutto.

Se siete amanti della serie Don Matteo (non vi giudicherò..Terence Hill è stata una mia cotta sin dai tempi di Lucky Luke) riconoscerete di sicuro una parte di set non appena arriverete davanti al Palazzo dei Consoli.

don matteo gubbio
Don Matteo – Gubbio

PERUGIA

C’ha accolto con un’atmosfera carica di allegria e adrenalina grazie alla coincidenza astrale tra l’Umbria Jazz Festival e la finale dei Mondiali (per chi se lo fosse dimenticato, questo viaggio l’abbiamo fatto nel 2018, ahimè).

Se avete poco tempo a disposizione potete dirigervi in Piazza IV Novembre e ammirarne la meraviglia a 360°.

piazza IV novembre
piazza IV novembre

A svettare sulla piazza è sicuramente la maestosa Cattedrale di San Lorenzo , ma vi consiglio di girare l’angolo e di visitare anche il più nascosto pozzo etrusco, piccolo ma interessantissimo da vedere.

Nel primo pomeriggio ci aspettava la visita guidata alla “Perugia sotterranea“, molto interessante e piacevole: divisi in piccoli gruppi si passeggia sottoterra tra quelli che sono i resti di un’antica Perugia, insieme ad una guida che vi spiegherà tutto in maniera esaustiva ma leggera, e non vi farà perdere tra i labirinti sotterranei. La nostra guida si chiamava Alessandra, ed era anche di una simpatia incredibile.

 

ASSISI (by night)

Arrivare ad Assisi è sempre un colpo all’anima di meraviglia e stupore. Abbiamo trovato un posto per la notte MERAVIGLIOSO che consiglio a tutti i viaggiatori “on the road“: il Camping “Fontemaggio” a 1 km dalla porta Cappuccini, che effetivamente è la più opposta alla cattedrale, MA è davvero un posto stupendo e comunque, attraversando quella porta, si ha la possibilità di vedere davvero tutta Assisi da parte a parte.

Perchè Assisi non è soltanto la chiesa di San Francesco o quella di San Damiano.

Assisi è uno stato mentale.

Uno stato di pace, per l’esattezza. Io c’ero già stata più di una volta e tornarci è sempre bello, ma allo stesso tempo mi chiedo: come sarà? Sarà diversa? Sarà diventata più turistica? Forse, ma conserva sempre quell’aura magica che va al di la del religioso. La sensazione che ho avuto la prima volta, andandoci da piccola, era quella di camminare dentro ad un presepe. Ed è stato bello vedere che è ancora così.

assisi by night
Assisi by night

Abbiamo deciso di farci una girata serale ed è stata una piacevole sorpresa vedere che, come una volta, ancora oggi i vecchietti si trovano di fronte alle loro case a prendersi “i freschi” e a chiacchierare, seduti sulle loro seggioline.

Le luci soffuse della città regalano un’atmosfera intima e piacevole. Dopo aver visitato la Chiesa di San Rufino, dove venne battezzato San Francesco, siamo rimasti qualche minuto seduti di fronte alla chiesa di Santa Chiara, ad ammirare il panorama e un gruppetto di fraticelli francescani provenienti dall’Asia. Emozionati, si facevano una foto di fronte alla chiesa, mentre altri si gustavano un super gelato.

E’ stata sicuramente la conclusione perfetta e rilassante per una giornata bella tosta:

on the road: gubbio perugia assisi
on the road: gubbio perugia assisi

Abbiamo percorso 68 km in macchina e fatto18,4 km a piedi.

Ciao amici, alla prossima tappa!

 

2 commenti

  • Marta

    Concordo con te, molto bella Perugia sotterranea! Noi ci siamo capitati in un giorno super piovoso quindi è stata la cosa che ci è piaciuta di più!
    Assisi magica, l’abbiamo camminata da su a giù per mille volte, stupenda, tra l’altro quando l’abbiamo vista noi a Giugno di questo anno era vuota quindi abbiamo apprezzato molto vederla così, aveva un fascino particolare!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »