Rocca Calascio
abruzzo,  borghi,  cosa fare,  italia,  marche,  on the road

On the road: da Tortoreto a Campo di Giove

TAPPE DEL GIORNO:
Partenza da Tortoreto dopo un bagno flash in mare, il tempo di una rinfrescata e via.. ritorno all’entroterra!

E’ stata una giornata on the road, molti paesini li abbiamo visti dalla strada, passandovi solo attraverso. In mente due destinazioni precise: Calascio e S.Stefano Sessanio.

Siamo passati tra le rovine del centro medioevale di Corvara (feeeelinngssss) per poi seguire delle stradine tortuose che ci regalano panorami mozzafiato.

Avrete sicuramente capito che il nostro piano non era arrivare in fretta da un punto all’altro, ma godere del viaggio in se.

Proprio su una di queste strade secondarie che incrociamo LUI. Il Ristoro di Peppino, in località Capestrano.
Questo nome, se passate da ste parti, ve lo dovete scrivere, segnare, tatuare, incidere nella pelle.
Perchè QUI si mangia. TANTO. E BENE. E si spende POCO.

Ristoro di Peppino
Ristoro di Peppino

Per farvi capire che non scherzo, ecco i nostri primi: ravioli GIGANTI e tagliatelle con funghi ed
erbette.
Insomma, un tagliere di formaggi della casa con marmellate e miele, i  due primi, arrosticini, acqua, vino, caffè e dolce 35 € totali. Io lo so che voi del centro sud siete abituati a queste cose (invidia), ma per me è stata una gioia. Senza contare il servizio: la padrona di casa c’ha trattato come se fossimo di famiglia e tra una chiacchiera ed una portata abbiamo passato davvero del bel tempo insieme.

CALASCIO

Rocca Calascio
Rocca Calascio

Finito di mangiare io avrei solo voluto buttarmi sotto l’ombra di qualche albero e dormire come se non ci fosse un domani e invece no, si riparte verso Calascio, famoso specialmente per esser stato, udite udite, il set del film di Lady Hawke. Se non l’avete mai visto:

1. vergognatevi
2. aspettate a Natale, di solito lo mandano in onda tra Miracolo sulla 54 strada e Una poltrona per 2.

Il castello ha risentito del terremoto, ma è ancora la, maestoso e bello, circondato da vallate incredibili. Sicuramente vale una visita, come anche il paesino sottostante, decisamente dotato di ironia oltre che di stradine dagli scorci stupendi che non hanno niente da invidiare a Spello e compagnia bella.

Rocca Calascio cartello bar abruzzo
Rocca Calascio

S. STEFANO DI SESSANIO

On the road: da Tortoreto a Campo di Giove San Stefano di Sessanio
S.Stefano di Sessanio

Un piccolo labirinto di stradine con case, negozi e bar, tutti vicini-vicini, come se si facessero forza l’un con l’altro. Mi sto rendendo conto che riuscire a descriverli senza farli sembrare tutti uguali è davvero un’impresa ardua, ma vi posso assicurare che ogni borgo ha un suo tratto particolare che lo contraddistingue, ma forse in questo son più utili le foto che una marea di aggettivi.
Anche qua le cicatrici del terremoto son ben visibili, ma lo è sicuramente anche la voglia di andare avanti dei suoi abitanti.

Oh, troverete per strada dei cagnoloni enormi ma di una docilità incredibile. Non abbiate paura e, specialmente, non lamentatevi a riguardo. Del resto, è casa loro.

Una volta ripartiti da S. Stefano di Sessanio la tappa finale è una: Sulmona. L’unico campeggio che abbiamo trovato  è il camping Orsa Minore, che si trova a Campo di Giove. Purtroppo è lontanuccio da Sulmona, ma in realtà è davvero un posto molto carino, un po' in stile hippie. Ah, non seguite le indicazioni di google Maps altrimenti non ci arrivete mai. Essendo l’unico camping della zona non dovete far altro che girare non appena vedete il cartello “camping”.

Km del giorno? 249!

camminati anche oggi solo 9 (e chi ce la faceva a camminare dopo i ravioli?!

mappa Tortoreto Campo di Giove
mappa Tortoreto Campo di Giove

Prossima destinazione: MOLISE!
Ciao Viaggiatori

2 commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »