snorkeling in Oman le isole Daymaniyat
asia,  cosa fare,  oman,  on the road

SNORKELING IN OMAN: LE ISOLE DAYMANIYAT

Oggi vi parlo del posto perfetto dove fare snorkeling in Oman: le isole Daymaniyat.

COSA SAPERE

Come già accennato nell’articolo “itinerario di 11 giorni in Oman” le Daymaiyat sono una riserva naturale protetta che si può visitare solo ottenendo precedentemente un permesso.

La riserva comprende 9 isole che si estendono per 100 ettari ed ospitano uccelli, tartarughe e coralli rari. Ci si può fermare per un massimo di 5 giorni ed ogni gruppo può essere composto al massimo da 12 persone.

Queste regolamentazioni sono in continuo sviluppo e cambiamento, perciò è importante affidarsi sempre ad agenzie autorizzate, che possono darvi informazioni aggiornate sui costi e si occuperanno di farvi il visto, includendolo nel prezzo totale del tour.

IN QUESTO CASO trovare il local di turno che vi da uno strappo e mi smolla li per qualche ora è del tutto ILLEGALE e IRRESPONSABILE.

Già con queste regole abbiamo trovato immondizia in posti impensabili, provate a immaginare cosa succederebbe se la cosa non fosse minimamente controllata. Perciò, in questo specifico caso, risparmiare per l’esperienza non è sinonimo di fighezza, ma di testadicazzezza. SIATE RESPONSABILI.

COME ARRIVARE

Vi sono diverse agenzie che offrono tour nelle isole, potete trovarle nel web o su Instagram, come è capitato a noi con il gruppo Daymaniat Shells.

Ha la base al porto “The Wave” e ha attirato la mia attenzione perché propone un’escursione con una notte in tenda sulle isole:

SNORKELING IN OMAN: LE ISOLE DAYMANIYAT

L’abbiamo scelta perché volevamo passare più tempo possibile in questa splendida riserva e io volevo ammazzarmi di snorkeling fino allo sfinimento (impossibile).

Inutile dire che è stata un’esperienza STUPENDA: come prima cosa il capitano Fahad ci ha fatto un regalo: delle borracce da mezzo litro! Un loro piccolo contributo per la lotta alla plastica, che come vi dicevo è ancora all’inizio in questo Paese.

La traversata fino alle isole è stata salterina e divertente grazie alle onde e a una bella breeze marina! Sarebbe stata perfetta se avessimo avvistato gli squali balena, ma

INDOVINATE CHI E’ ARRIVATO FUORI STAGIONE?!?! OH HELLO, IT’S ME.

Fahad ci ha fatto tuffare dalla barca in due punti differenti ed ha attraccato per una mezz’oretta in una splendida spiaggia prima di portarci alla destinazione finale dove avremmo campeggiato. Sabbia bianca, rocce rosse e acqua cristallina. Davvero, un miracolo della natura.

snorkeling in Oman le isole Daymaniyat

Per lo snorkeling noi abbiamo usato il nostro equipaggiamento, ma eventualmente possono procurarvelo loro: maschera, boccaglio, giubbotto di salvataggio e pinne: basta comunicare nelle mail della prenotazione il proprio numero di scarpa. Se avete la pelle delicata ricordatevi di portare una maglietta per proteggervi dal sole!

Una volta in acqua posso assicurarvi che il cuore e gli occhi vi si allargheranno dalla meraviglia: i banchi di corallo sono tra i più grandi che abbia mai visto, e in poche pinneggiate sono riuscita a vedere squali pinna nera e tartarughe, oltre a un’infinità di altri pesciolotti colorati! La visibilità era abbastanza buona e…MAMMA MIA QUANTO MI ERA MANCATO LO SNORKELING! Erano letteralmente anni che non provavo più quella sensazione di leggerezza e pace che provo solo quando sono in acqua..

L’isola dove ci si accampa è abbastanza grande per poter fare anche una bella passeggiata per vedere il tramonto. Al nostro ritorno Fahad abbiamo trovato tutto l’accampamento pronto e iniziato a preparare la cena! Inutile dire quanto sia meraviglioso mangiare sotto un cielo stellato con il suono del mare in sottofondo!

Il giorno dopo ci siamo svegliati con il profumo di caffè nell’aria, il sole che scaldava la tenda..e un’altra mattinata di snorkeling di fronte!

snorkeling in oman le isole daymaniyat

LA COSA PU’ VICINA ALLA MIA CONCEZIONE DI FELICITA’

Insomma, consiglio a tutti un’esperienza di questo tipo, anche se mi preme ricordare che il mare, e la natura in generale, vanno rispettati! Ci sono dei comportamenti che vanno assolutamente mantenuti per il bene della natura e anche per il nostro!

COSA FARE / NON FARE QUANDO SI FA SNORKELING

Non vi ho detto che ho il brevetto di guida snorkeling e che, durante la mia stagione alle Maldive, ho avuto la fortuna di avere a che fare con fantastici biologi marini che mi hanno insegnato davvero tantissimo a riguardo.

Pensavo di scriverne un articolo separato, ma per completare al meglio questo, vi dirò già un paio di regolette che forse non sapete:

  1. NON TOCCATE I CORALLI: e per toccate intendo NON CALPESTATELI, NON PRENDETELI IN MANO, NON ROMPETELI PER FARNE SOUVENIR. NO NO E ANCORA NO. Alcuni di questi possono essere ustionanti e taglienti, e per di più loro muoiono!
  2. NON FATE GONFIARE I PESCI PALLA: è divertente per voi, ma per loro lo stress equivale al fare un infarto!
  3. NON DATE DA MANGIARE AI PESCI: la mollica di pane non è esattamente nella dieta dei pesci, perciò anche se ne sono ghiotti, poi ne soffrono!
  4. QUANDO VE NE ANDATE, LASCIATE TUTO PULITO E PORTATE CON VOI QUALSIASI TRACCIA DEL VOSTRO PASSAGGIO.

CI TENGO A DIRE UNA COSA IMPORTANTE. Purtroppo capita di vedere anche istruttori e guide ufficiali avere questi tipi di comportamenti, spesso per far divertire i turisti.

Opponetevi a questi tipo di atteggiamenti SEMPRE, e dove possibile disincentivate le persone a usufruire di queste agenzie.

I grandi cambiamenti partono da questi piccoli gesti.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: