cosa-vedere-a-oslo-in-1-giorno
europa,  Norvegia

Cosa vedere a Oslo in 1 giorno

Prima tappa del nostro viaggio in Norvegia di 11 giorni ed ecco la prima sfida:

Cosa vedere a Oslo in 1 giorno?

Il nostro alloggio Airbnb si trovava abbastanza in centro, cosa che ha reso davvero facile il nostro giro di perlustrazione per la capitale.

Oslo è una città che combina perfettamente storia e modernità, ma non siamo molto amanti di quest’ultima, perciò abbiamo preferito gironzolare e perderci tra le strade della città per raggiungere pochi punti ben scelti:

Cosa vedere a Oslo in 1 giorno

Quelli che vedete nella mappa sono i punti che abbiamo deciso di raggiungere, ma contate che per arrivarci abbiamo fatto strade completamente a caso, principali e minori, per vedere più scorci possibili della città. E’ sempre una buona tecnica, se si ha tempo a disposizione e nessun orario da seguire.

Così abbiamo visto altre chiese, palazzi, parchi e posti super carini, ma vi lascio una breve descrizione di quelle che sono state le nostre tappe fondamentali, così da poter farvi un’idea e capire se è il tragitto che può fare anche al caso vostro.

FORTEZZA AKERSHUS
cosa-vedere-a-oslo-in-1-giorno

Situata nella parte orientale del porto, questa fortezza medioevale è stata creata nel 1299 e sempre più ampliata nel tempo, a seconda delle necessità e dell’aumento della popolazione.

Ancora oggi è una zona militare e , sebbene sia visitabile, in occasione di manifestazioni o ricorrenze particolare, potrebbe venir chiusa temporaneamente.

Resta comunque per la maggior parte del tempo visitabile e aperta al pubblico: il castello ha un biglietto d’ingresso e la possibilità di fare un tour guidato con degli studenti universitari in costume, che rendono interessante la visita grazie ad aneddoti che difficilmente si scoprirebbero in un tour fai-da-te. Ad avere più tempo avremmo di sicuro approfittato della cosa.

AKKER BRYGGE

La zona del molo e, mi verrebbe da dire, un concentrato di tutto ciò che ha da offrire Oslo: nel raggio di qualche chilometro si incontra storia e modernità, relax e produttività, natura e divertimento. La passeggiata lungomare è chiaramente un punto di ritrovo per turisti e locals, grazie alla presenza di ristoranti, negozi e bar vista mare.

Deve dare il suo meglio in estate (tanto per cambiare), quando ci si può sdraiare al sole e godersi le belle giornate.

VIGELANDPARK – VIGELANDSPARKEN

All’interno di questo meraviglioso e immenso parco si trovano le sculture di un rinomato artista norvegese: Gustav Vigeland.

Si tratta di ben 212 sculture di granito e bronzo, di diversi livelli di inquietudine, che formano una sorta di percorso fino ad arrivare al monolite che sovrasta il parco dal suo punto più alto.

Questa colonna di 14 metri impegnò 3 scultori per ben 3 anni di fila e rappresenta 121 figure umane dettagliatissime che lottano per giungere alla cima della colonna.ù

Non nascondo che anche qui l’effetto neve ha un po’ “appiattito” il tutto.

PALAZZO REALE

Questo meraviglioso palazzo reale si trova al centro di un parco talmente bello che la Royal family volle, appunto, renderlo la loro residenza. Per tutti gli amanti del genere lascio qui il link che vi porta al sito del palazzo e vi riporta notizie aggiornate sulla famiglia reale e sulla disponibilità di vistare l’interno del palazzo.

GALLERIA NAZIONALE

Non sono una grande amante dei musei, ma ho sempre adorato il quadro l’Urlo di Munch. E potevo farmi scappare l’occasione di vedere l’originale? CERTO CHE NO. Oltretutto dopo qualche ora al gelo mi si stava congelando pure l’anima, perciò ho apprezzato qualche oretta al calduccio.

Al suo interno potrete vedere opere MERAVIGLIOSE di diversi artisti, tra cui Vincent van Gogh, opere di El Greco, Auguste Renoir, Claude Monet, Paul Cézanne e Pablo Picasso.

cosa-vedere-a-oslo-in-1-giorno

Vi lascio qui il link del museo per orari e prezzi: a noi è successa un cosa strana. Siamo entrati di giovedì e, sebbene la giornata gratuita fosse domenica, ci hanno chiesto il Paese di provenienza e ci hanno fatto entrare gratis! Botta di culo? Forse.

CATTEDRALE – DOMKIRKE

Vi devo riportare informazioni raccolte, ma mai personalmente “controllate” per un semplice quantomai strano motivo.

LA CHIESA ERA CHIUSA PER FREDDO.

Possiamo allora dirlo che non sono io che esagero quando dico che faceva un freddo porco? Ecco. Che le chiese non chiudono manco ora col Coronavirus, e li invece il freddo fa chiuder bottega.

Ad ogni modo, LEGGENDA NARRA che al suo interno si trovino delle meravigliose vetrate create da Emanuel Vigeland, fratello dello scultore Gustav; e che ci sia un meraviglioso soffitto dipinto che risale al 1936- 1950. Mi farete sapere.

La zona adiacente è più recente e ospita alcuni bar e dei negozietti.

TIPS VARIE

Ecco qua. Mi pare un buon bottino in meno di 24 ore. Chiaramente le possibilità che offre questa città sono infinite e possono essere interscambiate a seconda dei vostri gusti personali. Se preferite muovervi con i mezzi allora potete pensare di farvi l’Oslo Pass che vi permette di avere sconti su molte attrazioni e muovervi in maniera gratuita all’interno della città.

Come già ho scritto nell’articolo precedente, se siete amanti delle città, vi consiglio (sulla base del mio itinerario di 11 giorni), di fare un giorno in meno a Bergen e di farne uno in più proprio qui ad Oslo.

Piccola nota tecnica: l’aurora boreale qui è molto difficile da vedere: essendo così a sud è un fenomeno già di per se raro, inoltre l’inquinamento luminoso tipico delle grandi città rende ancora tutto più difficile.

Spero quest’articolo possa tornarvi utile, ma ora state connessi per il prossimo articolo in cui parlerò di Bergen!

Ciao viaggiatori!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: